giovedì 26 gennaio 2017

I MIEI MOMENTI DI TRASCURABILE FELICITA'


"Di tanto in tanto è bene fare una pausa nella nostra ricerca della felicità ed essere semplicemente felici."  diceva Apollinaire. 

Si pensa che la felicità sia il raggiungimento massimo del benessere, quando le pedine si trovano tutte al posto giusto. Ma il problema è che ci resta difficile essere grati e godere di quel che si ha. E’ assurdo come si possa sempre trovare anche una minima cosa di cui lamentarsi!

In realtà, la felicità è qualcosa di più semplice ma nello stesso tempo più profondo. 
Non ci facciamo caso ma è fatta di tanti piccoli attimi. 
Sa annidarsi in emozioni quotidiane e in momenti apparentemente banali.


Mi sono fermata un attimo a pensare ed ho appuntato così al volo i miei momenti di trascurabile felicità: gesti, situazioni, pensieri della vita di tutti i giorni che spesso sottovaluto o di cui neanche mi accorgo, ma che scatenano in me piacere e vibrazioni positive.
E' proprio qui che si nasconde la felicità!



Un pranzo al volo con un’amica
Quell’oretta in cui hai da scambiarti talmente tanti “aggiornamenti importanti” che non sai se parlare o mangiare. E finisce sempre con la pasta o la ciccia che si freddano


Il profumo dei panni appena lavati in tutta la casa


Una delle mie canzoni preferite alla radio e cantarla a squarciagola


Un piatto di tortellini in brodo, a Bologna



La piega dal parrucchiere





Tornare a respirare con il naso dopo 3 gg di raffreddore
Piuttosto una febbrona da cavalli che il naso chiuso! Amica nemica del Rinazina spray nasale.










La colazione lenta del sabato mattina
Quando la sveglia non suona, quando Lore prima di andare a lavoro ci prepara latte e biscotti che io e Lapo ci gustiamo a letto guardando i cartoni animati in tv.


Un paio di cose al supermercato e mi fanno saltare la fila


Uscire alle 18.30 da lavoro






Un pranzo di pesce al mare il primo week end di caldo


Il bacio della buonanotte quando sono in dormiveglia
 Semplicemente un gesto d’amore.


Regalare ciò che non mi serve più a chi ne ha bisogno
Liberarsi del superfluo e regalare un sorriso. #whatelse











I fuochi d’artificio una sera d’agosto, col naso all’insù 


Una passeggiata in centro la domenica mattina


Decorare l'albero di Natale.

Praticamente un momento che aspetto tutto l'anno!


Il pigiama sul termosifone caldo prima di andare a dormire







I sandali ai piedi dopo mesi di stivali


L’ombrellone nelle prime file


Vivere altrove, anche solo per 3 giorni.


Pesare il bagaglio a mano e scoprire che non pesa più di 10 kg
L'ansia.








La ricerca di un regalo per una persona speciale


Un semplice “come stai” di un’amica in un periodo di stress, che significa più di quello che sembra


Quando devo uscire e trovo subito cosa mettermi
Per una che ha la sindrome dell'armadio vuoto è tanta roba!





La voce andata dopo un concerto di Cremonini




Lapo che finisce tutto quello che ha nel piatto
Praticamente può essere la giornata più grigia dell'anno che in un attimo spunta il sole!





Mangiare e non ingrassare. 
Ehm sì, anche dopo una gravidanza. #checulo


Apparecchiare con cura quando aspetto ospiti


Quel sorriso stampato dopo qualche bicchiere di vino


Trovare dei soldi in una borsa che non usavo da mesi
Di solito sono pochi spiccioli o al massimo cinque euro, ma vuoi mettere la gioia? AH AH AH


Andare a piedi a lavoro


Quando riesco a fare una cosa che rimandavo da tempo.


Sentirsi dire "Avevi ragione" e rispondere "Te l'avevo detto".
E io ho sempre ragione. ;-)




E i vostri quali sono?

Buona notte

Giorgia

Ph.Credit Pinterest

Nessun commento:

Posta un commento